La storia di San Matteo in Soarta, passato e presente.

Cosi, dopo il grande successo avuto nel precedente incontro con la Dott.ssa Maria Paola Ceccarelli nella guida alle Pietre che Cantano, vi presentiamo un percorso di comprensione delle opere d’arte sempre completamente nella nostra città, Pisa.

Domenica 7 maggio, ore 10.15, presso Piazza San Matteo in Soarta, Pisa

Appuntamento ore 10.15 davanti al Museo S. Matteo in Soarta.

La Dott.ssa Maria Paola Ceccarelli, ci spiegherà la sua storia, dalla sua nascita ad oggi, ripercorrendo le molteplici trasformazioni che ha avuto e il suo significato.
Il museo ha sede negli ambienti dell’antico monastero benedettino femminile di S. Matteo in Soarta (XI secolo), di cui oggi, oltre alla omonima chiesa, restano visibili solo alcune murature medievali, alterate da trasformazioni di epoca moderna e dai restauri del secondo dopoguerra.
Le strutture claustrali tardo-medievali furono realizzate in laterizio in cui si aprono bifore con colonnine e capitelli quasi tutti originali (piano superiore). Il porticato fu in buona parte ristrutturato nel XVI secolo, insieme ad altre aree oggi non fruibili al pubblico.
Agli inizi dell’Ottocento vi fu istituito un capitolo di canonichesse ed è probabile che a questo periodo risalga la facciata d’ingresso, di stile neoclassico. Dal 1866 al 1940 vi fu insediato il carcere giudiziario cittadino, con importanti modifiche strutturali.La trasformazione funzionale e il restauro del complesso edilizio risalgono invece agli anni successivi al secondo conflitto mondiale: nel 1949 nacque il Museo Nazionale di S. Matteo, ordinato da Piero Sanpaolesi secondo criteri basati sulla validità estetica delle opere. In tempi più recenti si è preferito presentare i materiali per tipologie e cercando di ricomporre i complessi originari.Il museo attualmente è sede della raccolta artistica più ampia delle città.
Conserva infatti una cospicua quantità di ceramiche medievali, costituita una ricca serie di bacini ceramici di area mediterranea e dal vasellame medievale e di età moderna proveniente da vari ritrovamenti cittadini (raccolta Tongiorgi).Per l’oreficeria si segnalano alcuni preziosi oggetti, che si accompagnano ad una selezione di monete e di sigilli medievali (collezioni Franceschi e Supino).Di grande importanza è la sezione dedicata ai codici miniati, che conserva esemplari dal XII al XIV secolo, rimarchevoli per la ricchezza delle illustrazioni.La collezione di scultura lapidea comprende opere dal medioevo al Cinquecento, tra cui spiccano notevoli testimonianze del periodo “romanico” e i capolavori di Nicola Pisano e Donatello.
Assai nutrite e di massimo rilievo sono le raccolte di scultura in legno e di pittura: questa annovera più di 200 opere realizzate tra gli inizi del XII secolo e l’età moderna da importanti artisti tra i quali Giunta Pisano, Berlinghiero, Simone Martini e Masaccio.

Come richiedere un prestazione

Si comunica che grazie alla vostra partecipazione e ai vostri suggerimenti, siamo lieti di annunciarvi il nuovo sistema di richiesta prestazione è online!

Basta effettuare l’accesso al nostro sito ( www.bancadeltempopisa.it ), nella sezione Area Soci è possibile compilare un semplice form per richiedere qualsiasi prestazione voi vogliate.

Pertanto ogni altra tipologia di richiesta prestazione, non verrà più presa in considerazione.

Star meglio con la musica

La banca del tempo propone alcuni incontri per scoprire metodi che aiutino ad alleggerire la fatica e lo stress quotidiano tramite l’ascolto della musica, accompagnato da esercizi di movimento e vocalità.
Ritrova la capacità di sfruttare le tue risorse per vivere in modo più flessibile la tua vita, migliorando l’approccio alle difficoltà.

Corso dedicato ad adulti.

Premessa:
Il laboratorio si basa sull’ascolto e sull’espressione sonoro/ musicale modulata sulle singole persone in modo creativo.
Programma:
Attività: Ascolto, Vocalità, Movimento e rilassamento
1. Ascolto di brani musicali che evocano immagini, riqualificando il senso dell’esistenza.
2. Vocalità: espansione della propria voce con modifiche nel tono dell’umore.
3. Movimento e rilassamento: sviluppo di capacità, tramite il suono, per gestire l’imprevisto come una risorsa, facilitando la produzione di endorfine rigeneranti.

Le attività rendono possibile l’attivazione consapevole di micro cambiamenti percepibili nel tono muscolare, nella postura, nella respirazione e nella gestione dello spazio e del tempo, migliorando la relazione intra e interpersonale.

Conduce: Maria Broccardi, Musicologa e Musicoterapista; autrice del libro “Nutrendosi di Suono”. Edizione Pacini 2013

Mercoledì 12 aprile dalle ore 18:00 alle ore 19:30

Circolo ARCI Alhambra

Via Fermi 27, 56121 Pisa

Sportello Informativo Banca del Tempo Pisa

orologio-del-punto-interrogativoSportello informativo è sempre più disponibile.

A grande richiesta, lo sportello informativo apre anche la mattina!

Per sapere cosa facciamo, come trovarci e chi siamo, puoi venire a trovarci, naturalmente tutto gratuitamente.

 

Lo sportello informativo è aperto, tutti i Giovedì e Martedì:

Martedi presso la Scuola Media inferiore Mazzini, Via Orazio Gentileschi, 10, Pisa dalle ore 10 alle ore 12

Giovedi presso la Leopolda di Pisa, in Piazza Guerrazzi. dalle ore 16 alle ore 18.

Vi aspettiamo,

Banca del Tempo Pisa

Rilassamento profondo, meditazione, respiro e postura

La Bioenergetica è nata dall’unione tra medicina e psicologia e si è sviluppata come tecnica psicoanalitica.

Con la bioenergetica facciamo esperienza del sentire il proprio corpo in modo sottile e profondo, reiniziando a percepire il legame tra stato emotivo e processi corporei. Questa esperienza ci porta a scoprire cosa succede se respiriamo in un modo piuttosto che in un altro o se appoggiamo i piedi ed il peso così piuttosto che in un altro. Dalla conoscenza e dall’osservazione non giudicante delle nostre posture e processi corporei, nasce una saggezza che ci porta ad una maggiore consapevolezza, centratura e gestione delle emozioni, nonché a un maggior benessere anche a livello di funzioni dell’organismo.

Oggi, grazie alla conoscenza di altre tradizioni orientali, la Banca del Tempo Pisa propone la bioenergetica come disciplina che si impara praticandola nel tempo e non attraverso esercizioni di routine.

Non proporremo quindi un corso, ma un momento in cui dedicarsi alla bioenergetica, cosi come ci dedichiamo alla meditazione o alla respirazione, senza pensare di apprendere un metodo, bensì ricontattando risorse da sempre presenti nella memoria corporea.

Il corso sarà svolto dalla Dott.ssa Zaira Cestari, Psicologa, Psicoterapeuta.

  • Date corso (ultimo giovedi del mese):
  1. 26 Gennaio –  Circolo Alhambra, in Via Fermi 27, Pisa
  2. 23 Febbraio – Scuola Media inferiore Mazzini, Via Orazio Gentileschi, 10, Pisa
  3. 30 Marzo – Scuola Media inferiore Mazzini
  4. 27 Aprile – Scuola Media inferiore Mazzini
  5. 25 Maggio – Scuola Media inferiore Mazzini
  • Durata incontro: 90 minuti
  • Orario del corso: Dalle 19 alle 20.30

Il primo incontro sarà gratuito, mentre dal secondo sarà chiesto il pagamento dellla quota associativa ( 10 Euro ) che da diritto a partecipare a tutti gli altri corsi, organizzati dalla Banca del Tempo di Pisa, gratuitamente

Il tempo nei miti greci

Usciamo per un istante dal tempo profano, il nostro, ed entriamo nel tempo mitico, tempo sacro, un tempo ciclico in cui prevale la ripetizione, tempo dei riti, tempo delle stagioni.

Capita spesso che siamo divorati dal tempo,non ne abbiamo mai abbastanza; ci produce stress, malinconia o anche depressione. Cronos si identifica infatti con Saturno, il dio melanconico.

Natale, Pasqua, Candelora, San Michele, Ognisanti, oggi ci ricordano che dobbiamo fermarci per celebrare un altro tempo, quello circolare, tempo ciclico detto anche Eone (aiòn).

Nel labirinto non c’è nè tempo ciclico nè lineare, è un’ unica cosa, si perde tempo per guadagnare spazio. Tra l’entrata e l’uscita c’è in realtà poco spazio, ma ci vuole molto tempo per arrivare all’uscita, si deve aver fiducia che prima o poi si arrivi , e si arriverà al momento opportuno, non un momento pensato ma un momento opportuno dal punto di vista degli dei.

In greco il momento opportuno è un’altra dimensione temporale, Kairòs. Nel mito può succedere che l’infinito e il finito si mettano d’accordo, coincidano: la rappresentazione di ciò è la spirale che inizia come un cerchio ma si muove verso l’ ignoto. Anche il Labirinto ci offre la stessa immagine: si cammina, per trovare l’uscita ma ci ritroviamo nello stesso punto di partenza.

I miti hanno valore universale e agiscono dentro di noi a nostra insaputa. Quindi, per concludere, nel mito abbiamo tre definizioni del Tempo: il tempo cronologico,Kronos, il tempo circolare,Aiòn, il tempo opportuno,Kairòs.

La storia è tempo, il mito è tempo circolare.

Cronos è figlio di Urano. Urano è il cielo, l’infinito,l’eterno,in termini simbolici è l’inconsapevolezza. Sua sposa è Gea, la terra. Urano costringe i figli a rimanere imprigionati nella terra-materia poichè sa che un figlio lo ucciderà. Infatti Cronos, con l’aiuto di Gea, castra il padre .Cronos è il tempo cronologico, consapevole del passato, presente, futuro. In termini simbolici Cronos esce dalla materia (la terra) e parla allo spirito ma anche separa lo spirito dall’istinto. Ma anche Crono ha paura dei figli e perciò li divora. Solo Zeus si salva poichè Rea, sposa di Cronos, gli fa mangiare una pietra con un inganno.

Le mura di Pisa, pietre che cantano

Un percorso nella piazza del duomo di Pisa, leggendo pietre che svelano la storia , raccontando eventi significativi nel linguaggio simbolico del medioevo di una grande città delle Repubbliche marinare, Pisa
Una guida completa sulla storia delle Mura pisane, passegiando alla loro base, scopriremo insieme come sono nate e cosa sono diventate nel tempo.
Dott.ssa Mariapaola Ceccarelli ci spiegherà tutto questo.

 

 

 

EVENTO GRATUITO

Sabato 7 Gennaio 2017 dalle 14.30 alle ore 17.00

Luogo d’incontro:
Fontana dei Putti
Piazza Arcivescovado, 3, 56126 Pisa PI

 

La vita non è sempre dolce, con nessuno.

frasi_citazioni_resilienza

…e ora che posso fare fare? Dalla resistenza alla resilienza.

Alla corte del Re Sil(i)ente si apprendono i fondamenti pedagogici per un buon vivere, senza perdere il sorriso.

di Vincenzo Lombardi, pedagogista – Centro Pedagogico Olistico di Lucca.

Spesso di fronte alle difficoltà del vivere sarebbe  indispensabile attivare l’abilità nota come resilienza, una competenza a resistere all’urto senza spezzarsi.

C’è in ognuno di noi la possibilità di autoripararsi, sviluppando la capapacità di metabolizzare traumi e sofferenze e riuscendo così a riorganizzare con fiducia la propria vita, senza perdere la speranza.

Conferenza aperta a tutti soci e simpatizzanti.

Ingresso gratuito.

Sabato 10 Dicembre, ore 15.30
Circolo Alhambra
Via fermi 27, Pisa

 

Per informazioni: bancadeltempopisa@gmail.com oppure 370 3332572

Vi aspettiamo!

logo-con-scritta

Apertura Sportello Informativo

orologio-del-punto-interrogativoSportello informativo

Ne hai sentito parlare e vuoi saperne di più. Non sai dove trovarci?

Apre anche quest’anno lo sportello informativo della Banca del Tempo di Pisa, si mette a disposizione di tutti i cittadini Pisani e non, per ricevere informazioni su di noi.

Chi siamo, cosa facciamo, e come lo facciamo, in un pensiero di non monetizzazione degli eventi; apprendendo e aiutando allo stesso momento, nella condivisione e nel reciproco rispetto.

Ricordati che per la banca del tempo, chiedere è un piacere.

Lo sportello informativo è aperto, tutti i Giovedi dalle ore 16 alle ore 18 presso la Leopolda di Pisa, in Piazza Guerrazzi.

Vi aspettiamo,

Banca del Tempo Pisa

favicon